Sindrome del Tunnel Carpale: diagnosi e trattamenti a Torino

È la più comune tra le sindromi da intrappolamento caratterizzate dalla compressione acuta, cronica o intermittente del nervo lungo il suo decorso in zone specifiche quali canali osteofibrosi o restringimenti con inestensibilità delle pareti.
È determinata dalla compressione del nervo mediano al polso precisamente a livello del canale carpale il quale è delimitato dalle ossa del carpo e dal legamento trasverso. In questo canale scorrono i tendini dei flessori delle dita, il nervo mediano e vasi arteriosi e venosi. Qualsiasi situazione in grado di modificare il contenuto del canale può determinarne una compressione.

I più comuni fattori che possono determinare un aumento del contenuto del canale carpale sono:

  • tenosinoviti infiammatorie;
  • edema locale (gravidanza, allattamento, ipotiroidismo, amiloidosi);
  • idiopatico (anomalie di decorso e di inserzione dei muscoli e dei tendini che delimitano il canale carpale).

In situazioni più gravi si può determinare una vera stenosi del canale carpale. Le cause più comuni possono essere:

  • ossee (da frattura, da deformazione);
  • cicatriziali (esiti cicatriziali da pregressi interventi chirurgici o traumi).

Sintomatologia del Tunnel Carpale

Nella fase iniziale compaiono parestesie ovvero sensazione di formicolio, associate più o meno a dolore nel territorio di distribuzione del nervo. Tipicamente sulla faccia palmare delle prime tre dita della mano e parte del quarto dito, prevalentemente notturne e successivamente anche durante il giorno solo in determinate posizioni dell’arto superiore.

In fase avanzata i sintomi assumono un andamento retrogrado lungo l’avambraccio e la spalla, diventando persistenti anche durante il giorno.
Si ha una progressiva perdita della sensibilità a livello delle dita e della forza di presa specialmente di piccoli oggetti.
Nella fase tardiva si può riconoscere un’ipotrofia muscolare a livello dell’eminenza tenar (base del pollice).

DIAGNOSI DELLA SIDROME DEL TUNNEL CARPALE

Esistono alcune manovre cliniche di riconoscimento:

  • La compressione del canale carpale = comprimendo per circa un minuto il canale carpale con la mano in dorsiflessione si provoca la comparsa delle parestesie.
  • Il segno di Tinel = comprimendo il nervo mediano sul lato volare del carpo si provoca dolore a scossa elettrica di breve durata lungo il territorio sensitivo.
  • Il segno di Phanel = flettendo forzatamente il polso per un minuto si provocano le parestesie.

La diagnosi di tunnel carpale è confermata con l’esame elettroneurografico (EMG) in cui si evidenzia un rallentamento della velocità di conduzione sensitiva e motoria del nervo mediano determinato dal blocco di conduzione dello stimolo a valle della compressione nervosa; nei casi più gravi si associa una progressiva riduzione dell’ampiezza della risposta delle fibre nervose.

schema-tunnel-carpale
mano-tunnel-carpale

TRATTAMENTO DELLA SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

Il trattamento del tunnel carpale dipende dalla gravità dei sintomi e del reperto elettroneurografico.
Nelle fasi iniziali e nei gradi lievi e modesti il trattamento sarà di tipo conservativo con impiego di tutori, fisioterapia, terapia farmacologica con antinfiammatori non steroidei ed infiltrazioni con cortisonici. Il trattamento chirurgico è indicato nei casi in cui la sintomatologia risulti più grave e perduri da lungo tempo o quando sono state rilevate importanti alterazioni del reperto elettroneurografico.

Prenota una visita

Telefono
+39 391 1740712

Lo Studio
Via Palmieri 50, Torino

* dati obbligatori

Contattaci

Ti risponderemo il prima possibile! Lo Staff di Clinica Motus