Alimentazione della donna: per favorire la fertilità, durante la gravidanza e durante l’allattamento.

Mantenere una corretta alimentazione è sempre consigliabile, ma soffermandoci sulla donna in età fertile, è possibile identificare tre periodi in cui lo stile di vita e l’alimentazione sono determinanti per assicurare la salute della donna e del nascituro.
Attualmente il periodo chiave per la prevenzione di malattie dell’età adulta è rappresentato dai primi 1000 giorni di vita (dal concepimento fino ai due anni del bambino), per questo è importante incentivare una sana alimentazione nel periodo preconcezionale, durante la gravidanza e nel post gravidanza, attraverso un apporto adeguato di energia, macro e micronutrienti ed un corretto stile di vita.

Alimentazione e fertilità

Già nel periodo che precede il concepimento è possibile porre le basi per un’alimentazione equilibrata. Modificare le abitudini alimentari scorrette, in questa fase, ha l’obiettivo di favorire la condizione di fertilità, aumentando le possibilità di concepimento, considerando anche alcuni fattori determinanti per l’aumento e la riduzione della possibilità di concepimento.

Alimentazione e gravidanza

Durante la gravidanza la sana e corretta alimentazione da parte della mamma permette di nutrire al meglio se stessa e, nello stesso tempo, consente ai tessuti fetali di formarsi e svilupparsi nella maniera ottimale.
Ci si può prendere cura del proprio bimbo anche a tavola: la scelta degli alimenti, la preparazione e manipolazione del cibo, la cottura e la modalità di assunzione degli alimenti non deve essere lasciata al caso.
Se lo stile di vita e le abitudini alimentari scorrette non sono già state modificate nel periodo preconcezionale, la gravidanza è una buona occasione per porre le basi per un’alimentazione sana, per tutta la famiglia.
Un’alimentazione sana significa imparare a scegliere cosa, quanto e quando mangiare. La libertà di sapersi alimentare adeguatamente porta a prevenire sia stati carenziali che malattie legate ad un’eccessiva e sbagliata introduzione di alimenti (obesità, diabete, malattie cardiovascolari…).
Modificare tali abitudini è un processo a lungo termine, per questo è bene partire già durante la gravidanza. Nel futuro, l’attuazione di corrette scelte alimentari da parte dei genitori, sarà d’esempio per i figli.

Alimentazione e allattamento

La nascita del bimbo vede la realizzazione di tutte le fatiche affrontate dalla donna dal concepimento al parto; tuttavia le “prove” da affrontare non sono terminate.
Il corpo della neo mamma è sottoposto nuovamente a sollecitazioni: da un lato vi è l’avvio dell’allattamento e dall’altro c’è la ricerca dell’equilibrio precedente la gravidanza.
Come sfondo, nel periodo del puerperio, troviamo le attenzioni della mamma che si concentrano totalmente sul bambino, quindi minor tempo da dedicare alle abitudini alimentari, tanto perseverate durante la gravidanza.
Paradossalmente, quindi, mentre il fabbisogno di energia e nutrienti aumenta per far fronte all’allattamento, le possibilità di pianificare i pasti ed una alimentazione regolare diminuiscono.

Per ognuno di questi tre periodi è prevista la formulazione di uno schema nutrizionale personalizzato, con l’obiettivo finale di mantenere in salute la donna ed il bimbo.

Tariffe: 70 euro prima visita, 30 euro controllo.

Prenota una seduta

Telefono
+39 373 7267573

Telefono fisso
+39 011 5533885

Lo Studio
Via Palmieri 50, Torino

* dati obbligatori

Contattaci

Ti risponderemo il prima possibile! Lo Staff di Clinica Motus